Bocche fameliche devastano l’Altosannio.

0
887

a cura di Enzo C. Delli Quadri

cocodrilo-1024L’ordinamento statale attuale prevede o meglio prevedeva
lo Stato,
le Regioni,
Le Province,
le Comunità Montane,
i Comuni,
i Municipi (dentro le grandi città),

cioè ben 6 livelli di gestione amministrativa, con tutti gli sprechi possibili e immaginabili.

L’ordinamento NUOVO su cui si sta lavorando è il seguente:
lo Stato,
le Regioni (macro),
l’ Unione  di comuni oppure i Comuni con più di 10.000 abitanti.

In totale 3 livelli di gestione.

In molte zone di Italia, intelligentemente, anche Comuni di grandi dimensioni si sono già associati.

In Abruzzo e Molise, i politici locali, la gran parte dei quali è legata alle caste regionali di Campobasso e L’Aquila, che difendono con le unghie e con i denti l’autonomia regionale e comunale, fanno finta di niente oppure sono complici.

Ne consegue che le Aree Interne continuano a subire le angherie di quelle caste; in particolare, i piccoli comuni di confine di montagna dell’ ALTOSANNIO-ALMOSAVA (altomolisesangrovastese-diocesi di Trivento)  non possono liberarsi dal giogo delle due regioni (ne basterebbe una) e delle quattro province inservibili (l’AQ CB CH IS), che  hanno fatto strame dei loro territori, dei loro patrimoni e delle loro risorse umane.

Una storia lunga secoli, quella dell’Altosannio, è data in pasto a pochi famelici individui che, con la loro arroganza e ignoranza, la fanno sparire, divorandola a morsi.


Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.