BENEDETTO CROCE, l’ALMOSAVIANO. Le sue Storie sopravviveranno alla Storia

0
510

a cura di Enzo Carmine Delli Quadri

Benedetto Croce, il più importante esponente del liberalismo novecentesco, critico letterario, storico, filosofo, scrittore, senatore della Repubblica , di sicuro, al di là delle idee politiche, uno dei massimi rappresentanti della cultura italiana, era figlio di una Famiglia Monteneresa, cioè di Montenerodomo, un paesino abruzzese dell’ Almosava “AltoMolise-AltoSangro-AltoVastese”, confinante con Pizzoferrato e vicino a Villa S. Maria, Quadri, Fallo.

Nacque a Pescasseroli il 25 febbraio del 1866, il paese non distante da Montenerodomo, da genitori appunto monteneresi. Dedicò ai paesi degli avi, sia paterni che materni, due monografie, intitolate, l’una, Montenerodomo: storia di un comune e due famiglie e, l’altra, Pescasseroli, entrambe pubblicate da Laterza e in seguito collocate in appendice alla Storia del Regno di Napoli (Laterza, Bari 1925 e ss.).

In questi giorni, sulla rivista “Nuova Storia Contemporanea, il Prof. Francesco Perfetti della Università LUISS di Roma gli dedica un saggio dal titolo “Benedetto Croce, Storia e Libertà”, con il quale egli dimostra come le “Storie crociane” sopravviveranno alla “Storia”.

Montenerodomo

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.