Avašte na štrette

1
157

di Rodrigo Cieri [1]

Avašte na štrette

«Rosì, è cinquant‟anne già, ma tu
te l’aricurde bbone gn’è successe?
Na tremarelle ncolle a tutt‟e ddù!»
«Che emozione forte s‟avé messe

quanda lu prime vaçe m‟à sfiurate
e m‟ajje štrette a tté. Lu core a vatte
a cente a ll‟ore e sempre accelerate
appresse a quelle tè.» «Ma gné du matte

a cercarce p‟appene nu minute!
«Nu vaçille, n‟abbracce e na carezze,
n‟ucchiate…ere tutte.» «Po‟ si‟ iute!»
«A chille timpe nn‟ire na certezze.»

«E t‟ajje arvište nzimbre a lu marite.
Na curtullate!» «Già! Cuscì è sciute.
T‟ajje penzate sempre pe‟ na vite
e tanta bbene, scì, t‟ajje volute

«Lu sentimente allore ere cašte.»
«Caccose mo st‟a tuppulì‟ lu core.
La vecchiaie!… Nicò, na štrette avašte
p‟arsintì‟ l‟emozione come allore!»

Vasto, 27 luglio 2006 

Basta un abbraccio

«Rosì, son cinquant’anni già, ma tu
te lo ricordi bene com’è stato?
La tremarella addosso a tutti e due!»
«Che emozione forte aveva preso

allorquando il primo bacio m’ha sfiorato
e a te mi sono stretto. Il cuore a battere
a cento all’ora e sempre accelerato
appresso a quello tuo.» « Come matti

a cercarci per un minuto appena.»
«Un bacetto, un abbraccio e una carezza,
un’occhiata… era   tutto.» «Sei partita!»
«A quei tempi non eri una certezza.»

«E t’ho rivista insieme al marito.
Che coltellata!» «Già! Così è andata.
Ma t’ho pensato sempre, una vita
e tanto bene, sì, ti ho voluto!»

«Il sentimento allora era casto.»
«Qualcosa adesso sta a bussare al cuore.
La vecchiaia!… Nicò, basta una stretta
per sentir l’emozione come allora!»

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright: Altosannio Magazine 

 

1 COMMENTO

  1. Ancor più dolce il sentimento, nelle due fasi della vita: la prima gioventù e ….l’ultima!
    La prima col fuoco ardente, l’ultima, con le scintille sotto la cenere; ENTRAMBE fanno “tuppulì lu core”…
    BELLISSIMA ! UNA COSA COSI’ SI SCRIVE SOL SE SI …PROVA!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here