Home / Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca

Tiberio La Rocca, Molisano di Poggio Sannita (IS), coltiva da sempre la passione per la poesia e in particolare per il dialetto di origine; ha pubblicato molte raccolte di poesie, con le quali ha ottenuto riconoscimenti e premi.

Le Vine – Il vino

Tiberio La Rocca[1]  Le Vine Prima de la mmalatia ogni tante capetava, specialmende ngò candata,  cò bbechier ce scappava. – Ne nnè cosa mmalamende basta sol ca nnè cite, se può viv liend liend, te fa bène nen t’accide. – Sci, le vine è medecina, l’hia pegliè matina e sera …

Read More »

La notte

 Poesia di Tiberio La rocca La notte La notte pe me è meglie de le iuorne, m’addorme e me z’aiepra nuondre munne me sonne ca sò re, sò presedende, e ca chemmanne ncima a tanta iende. Na notte me sennève ca era Papa…, e m’affacciava da culle ballecone e ca …

Read More »

La Salgiccia

di Tiberio La Rocca [1] La Salgiccia Gna la vide bella appesa,/ che ze secca chiène, chiène/ te la guorde che na voglia,/ è gna n’uosse pe le chène!/ La può fa pruopria gna vuò,/ a zeppetta o a na vessora/ fatt’arruste a na ceniscia,/ tant’è bbona a ogne ora!/ …

Read More »

Natale – Poesia

di Tiberio La Rocca [1] Natale Cagnètte le destine de le munne, na fredda notte de tant’enne fa menètte Criste n-cima a chesta terra, menètte a pertà pace gna ze sa. Nascètte peverielle a na capanna, nascètte pe campà senza peccate senza vestite, gnè l’ulteme pezzente, sole dall’anemele arrescallate. Da …

Read More »

Ne munne senza vine

Poesia di Tiberio La Rocca [1] Ne munne senza vine  Se ze fenisse l’acca a custe munne, ngo mode certamente ze facera ma n-zia mè a fenì fosse le vine, parecchia iende crè ca z’accedèra. Penza a ne magliatielle o la le larduocchie, che na bettiglia d’acca e senza vine …

Read More »

E penze – E penso

Poesia di Tiberio La Rocca [1] E penze Guorde le ciele e penze a chi l’ha fatte, penze a le Patreterne sciabbenditte h’ha fatte ciele, terra e le perzone, e ha fatte n’andracosa…………Caccavone. Penze a la iende che sò canesciute, e a tutte chille che ze ne sò gghiute e …

Read More »

Moglieme

Poesia di Tiberio La Rocca[1]   Moglieme  S’avessa dice moglieme gna è, v’avessa dice è n’angele e pe me è stata veramende na fertuna, ne ciele chière, na notte che la luna. Fra prima e doppe, vindènne suò passate, che poca lite, tante bèlle iernate ma cèrte no pe me, …

Read More »

Ne iurne – Un Giorno

Tiberio La Rocca  [1] Con questa poesia e l’altra “ACCA E DULORE”, il nostro Tiberio La Rocca ha vinto il primo premio al “Concorso Letterario Giovanni Gronchi” del 2016 [2], organizzato dall’Associazione Culturale Identità di Pontedera (PI). NE IUORNE Le sole che esce, na vita che nasce n’andra vita fenisce, ne sciore che cresce. Na …

Read More »

ACCA E DELORE – ACQUA E DOLORE

Tiberio La Rocca  [1] Con questa poesia e l’altra NE IURNE, il nostro Tiberio La Rocca ha vinto il primo premio al “Concorso Letterario Giovanni Gronchi” del 2016 [2], organizzato dall’Associazione Culturale Identità di Pontedera (PI). ACCA E DELORE Allucca le mare, addò chelle perzone so trevata la fine e so …

Read More »

Lendane – Lontano

Poesia di Tiberio Della Rocca [1] LENDANE E decedemme allora de partì, gna de miseria ce ne steva tanda e z’abbeiemme chiène e camenenne, decemme na preghiera a chella sanda. A la prima curva me veldève arrete, p’arevedè la casa che lassava nnend’a la porta, steva ferma mamma, che a …

Read More »

L’ammalate

Poesia di Tiberio la Rocca [1] L’ ammalate Steva  dentr’a re liette ghienche, ghienche, sembrava une che sta pe merì la moglie peverella, le vesciuova, e deceva: Gese Criste, ecchele vì. La faccia roscia roscia e a dì le vere, gna une che z’ha vivete le vine le vommache ie …

Read More »

Le Bène – Il Bene

di Tiberio La Rocca [1] Le Bène Voler bene è un viaggio dentro sè stessi I la velesse fa na bella cosa, e se n-la facce, i nen trove pace velesse dice a cchiù de na perzona, ca i voglie bène, ma può nen zò capace. Velesse chemmeiè che la …

Read More »

Le tiempe ze ne va

di Tiberio La Rocca[1] Le tiempe ze ne va Le tiempe passa e va, la vita è ne memènde è state gna ne suonne, che mè mmenute mmènde. Quond’enne suò passate, n-le conde manche cchiù tienghe la coccia ghienga, ne m’arecorde cchiù. Mo che suò vecchiarielle, gna veghe le catrère …

Read More »