Armitte re debbete ….. Rimetti i debiti ….

0
613

di Gustavo Tempesta Petresine [1]

Alba sull'Altosannio (Castelverrino) copia

…eva re venerdì de Pasca. Alle sei de la matina sembrava ca re juorne ne vulesse nasce. Eva re juorne ca Criscte scteva ‘mbise ‘ngima alla croce.

‘Na croce la teneva ‘mbiette pure Cicc, ca steva preoccupate e ‘ngusctiète pe via de ciérte suolde, ca se je re avessere arrennùte quille juorne sctesse, z’avéra levate ne ‘mbicce ca nen re faceva durmì chiù la notta.

Ije re accumbagnive arre luoche addunna abbetàva chella faccia brutta de Giuannone. Eva arresapute ca quille jeva addemannènne suolde ‘m briescte ca dapuò nen arrenneva.

Na vota arreviète, decive ‘mbacce a Cicc: chescta è la casa, chella è la porta. Tuppa forte, ca sicuramende quille farà recchie da mercande! Tuppa e arretuppa, ma sembrava ca loche nen ce scteva nesciune; tandè vere ca Cicc cumenzétte a mmenà cierte vricce ‘m bacce alla fenesctra e all’ambruvvise ze sendette: “trciang!

Sicuramende aveva rotta la vitria. Sctèmme sotte a chella fenesctra chiù de n’ora. Cicc z’eva fatte talmende rusce ‘m bacce ca asctemàva e maledeciéva. Nen azzeccàva manghe a parlà e tartaglieva, tande ca ije me credètte ca da ne mumènde all’uatre je avessa putute calà ‘ne tocche.

Fu ascì ca r’acchiappive sottebbracce e je decive: Auoje è Venerdì ma addemàne è Sabbeta. Je viscte mié ca se tu arremitte re débbete a Giuannone, pure chell’atra persona ca te è credetore, r’arremette a te!

Cicc ze calmètte, e l’uocchie ca teneva rusce e assanguate ze facierne all’ambruvvise lucende lucende mendre re prime raje de sole asceva da arrete alle mundagne pezzute jenne ‘nduranne ogne criatura.

Alba

Traduzione

…. era di venerdì di Pasqua. Alle sei del mattino sambrava che il giorno non volesse nascere. Era il giorno di Cristo in croce.
Pure Cicc aveva la sua croce; era preoccupato e angustiato per via di soldi con i quali, se gli fossero stati restituiti quel giorno stesso, avrebbe potuto eliminare un tormento che non lo faceva dormire la notte.
Io lo accompagnai verso la casa di quella brutta faccia di Giovannone. Era risaputo che era solito chiedere soldi in prestito che, poi, non restituiva.
Una volta giunti, dissi a Cicc: questa è la casa, quella è la porta. Bussa forte, perché quello lì farà orecchie da mercante!
Bussa e ribussa, ma sembrava che in quel posto non ci fosse nessuno, tant’è che Cicc cominciò a tirar pietre alle finestre e, all’improvviso, si sentì “trciamg”!
Sicuramente aveva rotto il vetro.
Restammo sotto quella finestra per un’ora. Cicc s’era fatto rosso in faccia e bestemmiava e malediceva. Non riusciva più neanche a parlare e balbettava, tanto da farmi pensare che da un momento all’altro pottesse avere un infarto.
Fu così che lo presi sottobraccio e gli dissi: Oggi è Venerdì (santo) ma domani è Sabato (santo). Vuoi vedere che se tu rimetti i debiti a Giovannone, anche il tuo creditore li rim ette a te!
Cicc si calmò e gli occhi che erano rossi e insanguinati si fecero all’improvviso lucenti lucenti. mentre i primi raggi del sole si spandevano da dietro le montagne e andavano indorando ogni creatura.

_______________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine,
Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti. Il suo lavoro più bello: il libro di poesie “Ne Cande”

[divider]

Musica: Enya now we are free
Editing: Enzo C. Delli Quadri

[divider]

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.