Lu giuramiente – Il giuramento

0
612

Aneddoto[1]  Almosaviano di Benedetto di Sciullo [2] e Giovanni Mariano [3] 

Na olepe, chi z’era pintite di tutte li pechere chi z’era arrubbate, nu iuorre zi iette a cumpissà.

Una volpe pentita di tutte le pecore che aveva rubato, un giorno andò a confessarsi.

Lu prete, chi sapeve parlà nchi l’animale, la facette ntrà dentre a la sacristie e, doppe chi l’ere ascultate, la pirdunette e i dicette di fa nu giuramiente addò prumitteve di nin magnereze chiù la carne.

Il prete che sapeva parlare agli animali, la fece entrare in sagrestia e, dopo averla ascoltata, la perdonò e le disse di fare un giuramento in cui prometteva di non cibarsi più di carne.

La olepe ci pinzette na nzegne e doppe dicette:    

La volpe ci pensò su un poco e poi disse:

Ti giure sobbre a na preta macirine ca i nin magne chiù né carne di crape né di crapine –    

Ti giuro sopra una pietra macirine, che io non mangio più né carne di capra né di caprino. – –

Lu prete arimanette cuntiente, ma prime di darije l’assoluzione, cuminzette a parlarije di la pinitenze e di li giuramiente fatte.    

Il prete si ritenne soddisfatto, ma, prima di darle l’assoluzione, cominciò a parlarle della penitenza e dei giuramenti fatti.

La olepe, prime ascultette, po’ cuminzette a vultarze continuamente a la vie di la porte.  

La volpe, all’inizio ascoltò, poi cominciò a voltarsi continuamente verso la porta.

Tutt’inziembre, quanne nin ni putette chiù, za rivultette a lu prete e i dicette:    

Improvvisamente, quando non ne poté più, si rivolse al prete e gli disse:

Patre, sbrighete a dareme l’assoluzione, ca sta passenne na mandre di pechere e si nin mi sbrighe chille mi zi ni scappe. –    

Padre, sbrigati a darmi l’assoluzione, chè sta passando un gregge di pecore e se non mi sbrigo quelle mi scappano. –

.

La frase – Ti giure sobbre a na preta macirine (Ti giuro su una pietra macirine) – si usa di solito nei casi in cui si promette qualcosa, ma si è già sicuri di non poter mantenere la parola data.  


____________________________
[1]
L’Aneddoto è una notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante; o, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno.
[2] Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[3] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, l’aria, i profumi dell’Alto Vastese.

[divider]Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.