Aneddoto dell’Altosannio: Lu cuorve e la òlepe – Il corvo e la volpe

0
959

di Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano

Il corvo e la volpe è una favola di Esopo ripresa, poi, da Fedro e successivamente da Jean dela Fontaine. E’ un avvertimento contro i pericoli dell’adulazione. La si racconta, con il nostro dialetto, anche sui monti dell’ALTOSANNIO (ALMOSAVA)

Nu cuorve stave sobbre a na cerche e tineve nu piezze di casce ‘nmocche.

Na òlepe chi passave loche sotte lu vidette e siccome i zi vuleve arrubbà lu casce, cuminzette a fareje nu suacche di cumplimiente: “Chi bìelle cielle chi sì! Uarde chi belle penne e chi bìelle becche chi tiè! I sò sicure ca nu cielle bìelle gnè tè sa pure cantà e tè ‘na bella voce. Si chiente bbuone pi quanta si bìelle, pi me si lu chiù meglie animale di lu munne!”

Lu cuorve chi nin z’era mai sintute fa tutte chille cumplimiente, allunghette lu cuolle, sbattette li ale e aprette lu becche pi cantà.

Lu piezze di casce chi tineve mmocche zi ni caschette e la òlepe, chi stave sotte a la cerche, l’acchiappette e zi ni scappette.

Un corvo era appollaiato sopra una quercia ed aveva un pezzo di formaggio nel becco.

Una volpe che passava lì sotto lo vide e siccome gli voleva rubare il formaggio, cominciò a fargli un sacco di complimenti: “Che bell’uccello che sei! Guarda che belle penne e che bel becco hai! Io sono sicuro che un uccello bello come te sa pure cantare ed ha una bella voce. Se canti bene per quanto sei bello, per me sei il migliore animale del mondo!”

Il corvo, che non si era mai sentito fare tutti quei complimenti, allungò il collo, sbatté le ali ed aprì il becco per cantare.

Il pezzo di formaggio che aveva in bocca cadde e la volpe, che si trovava sotto la quercia, lo prese e scappò via.


[1] Aneddoto Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno


[1] Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[2] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.