Aneddoto di Altosannio: Lu cumpare surde – Il compare sordo

0
680

 Aneddoto [1]  di Benedetto di Sciullo [2] e Giovanni Mariano [3]

mulo

Ddu cumpare onne abbitave vicine, une sobbra a nu colle e une sobbre a nuantre.
Due compari abitavano vicini: uno sopra un colle, e uno sopra ad un altro.

Nu juorre a une di li ddu uommene i z’ammalette lu mule e, siccome la matine appriesse aveva i a carije li lene, pinzette ca forse lu cumpare i puteve mpristà culle siè.
Un giorno ad uno dei due uomini si ammalò il mulo e, siccome la mattina dopo doveva caricare la legna, pensò che forse il compare poteva prestargli il suo.

Z’affaccette sobbra a lu colle, vidette ca lu cumpare stave mmiezze all’are e lu cuminzette a chiamà:
Si affacciò sul colle, vide che il compare si trovava in mezzo all’aia e cominciò a chiamarlo:

– Cumpà! Cumpà! –
– Compare! Compare! –

– Chi vuò? – Jarispunnette lu cumpare.    
– Che cosa vuoi? – Gli rispose il compare.

– Mi zè ammalate lu mule e dumane eja i carijè li lene, mi può mpristà culle tiè? –
– Mi si è ammalato il mulo e domani devo recarmi a caricare la legna. Mi puoi prestare il tuo?

– Nin ti sente, tienche lu viente contre. Parle chiù forte! –
– Non ti sento, ho il vento contrario. Parla più forte! –

L’ome sobbre all’ualtre colle allucchette di chiù: – Mi può mpristà lu mule pi dumane, ca culle miè zè mmalate? –
L’uomo sopra l’altro colle urlò di più: – Puoi prestarmi il mulo per domani, ché il mio si è ammalato? –

– Allucche di chiù: la crape arippelle e i nin ti sente! –
– Urla di più: la capra bela e io non ti sento! –

E lu cumpare sempre chiù forte:
E il compare sempre più forte:

Mi servesse lu mule tiè pi dumane, ca culle miè zè mmalate! –    
Mi servirebbe il tuo mulo per domani ché il mio si è ammalato! – –

Nin so capite: lu cuane abbeje e li galline stà facenne l’uove! Chi tti serve? –
Non ho capito: il cane abbaia e le galline stanno facendo le uova! Cosa ti serve? – –

Allore lu cumpare ci pinzette na nzegne e senza alluccuà chiù tante dicette:    
Allora il compare ci pensò un po’ e senza urlare più di tanto disse:

– Ti lu paghe! –
– Te lo pago! – –

E l’ualtre jarispunnette:
E l’altro gli rispose:

– Viettele a pigliè quanna vuò! –
– Vieni a prendertelo quando vuoi! –

L’ome arrintrette a la case e, mentre priparave la robbe pi la matine appriesse, pinzave:
– È surde lu cumpare o sente sole quanna i pare? –

L’uomo rientrò in casa e, mentre preparava il necessario per il mattino dopo, pensava:
– Il compare è sordo oppure sente soltanto quando gli pare? –
.
.
La fraseLu surde di lu cumpare chi sente sole quanna i pareviene di solito indirizzata a chi, per interessi personali o per mancanza di volontà, finge di non capire discorsi anche molto semplici.
Come dire: non c’è peggiore sordo di chi non vuol sentire.
.
.

[1] Aneddoto. Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno.
[2] Benedetto Di SciulloAbruzzese di Fallo (CH), libero professionista. Dedica tanto tempo alla cultura locale per mantenere concretamente vivi i palpiti di un mondo antico che accomuna tanti di noi e che, dal passato, ancora ci accarezza e ci emoziona superando oceani e continenti
[3] Giovanni MarianoAbruzzese di Fallo (CH), informatico. Cura con Benedetto Di Sciullo il sito dedicato a Fallo sapendo di fare piacere ai conterranei che apprezzano le abitudini, la aria, i profumi dell’Alto Vastese.


Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine