L’analfabbete – L’Analfabeta

0
631

di Benedetto di SciulloGiovanni Mariano  [1] 

.

Nu pichirare chi da vaglione nin era putute i a la scole picchè aveva aiutuà lu puatre a i a pasce, z’arimmarichieve ca nin sapeve né legge e né scrive. Era cunvinte ca p’ambaràreze aveva i luntane da lu pajese addò abbitave.
Un pecoraio che da piccolo non era potuto andare a scuola perché doveva aiutare il padre a pascolare, si rammaricava di non sapere leggere né scrivere. Era convinto che per imparare fosse necessario andare lontano dal suo paese.

– Si i putesse i co juorre a la cità, di sicure m’amparesse subbite a legge e a scrive! – diceve sempre.
– Se io potessi andare qualche giorno in città, certamente imparerei subito a leggere ed a scrivere! – diceva sempre.

Nu juorre aricivette ‘na lettere da nu cuggine chi stave a Nàpele e chi l’ammitieve a irle a truvà ca vuleve nu cunziglie pi cierte animale c’aveve accattà.
Un giorno, ricevette una lettera da un cugino che abitava a Napoli e che lo invitava ad andarlo a trovare perché aveva bisogno di un suo giudizio su alcune bestie che doveva acquistare.

L’ome, tutte cuntiente, lassette li pèchere a nu parente e partette.
L’uomo, tutto contento, affidò le pecore ad un parente e partì.

Doppe na dicine di juorre ariminette nchi nu belle vistite nuove, nchi ddù solde a la saccocce e nu giurnale sotte a lu vruacce. La jente, quanna lu videve, i faceve tante di chille cumplimiente e isse arispunneve a tutte chiente svintiliienne lu giurnale.
Dopo una decina di giorni tornò con un bel vestito nuovo, con qualche soldo in tasca ed un giornale sotto al braccio.La gente, quando lo vedeva, gli faceva tanti complimenti e lui rispondeva a tutti sventolando il giornale.

– Pure lu giurnale si purtate, allore ti si ‘mparate a legge! – i dicette nu cumpare quanna lu vidette.
– Anche il giornale ti sei portato, allora hai imparato a leggere! – gli disse un compare quando lo vide.

Scine, mò sacce legge. Mi so ‘mparate subbite. – Arispunnette lu pichirare chi, lu juorre stesse, zi mittette assittate a la piazze a legge lu giurnale chi z’era aripurtate da Nàpele.
– Sì, ora so leggere. Ho imparato subito. – Rispose il pecoraio che, il giorno – stesso, si sedette in piazza a leggere il giornale che aveva portato da Napoli.

Passette lu prete chi a lu paese era uni di li poche chi sapeva legge addavere e vidette ca l’ome teneve lu giurnale aperte nniente all’uocchie, ma giriete sottessobbre.
Passò il parroco che in paese era uno dei pochi che sapesse leggere per davvero e vide che l’uomo teneva il giornale aperto davanti gli occhi, ma capovolto.

– E cosa fai figliolo, leggi il giornale al contrario? – Gli disse il prete.
– E cosa fai figliolo, leggi il giornale al contrario? – I dicette lu prete.

Lu pichirare guardette prime lu prete, po’ lu giurnale e, senza scumpònneze arispunnette:
Il pecoraio guardò prima il parroco, poi il giornale e, senza scomporsi, rispose:

– Patre, chi sa legge, sa legge chiuorte e diritte! –
– Padre, chi sa leggere, sa leggere storto e diritto! –

 …………………………..

La frase Chi sa legge, sa legge chiuorte e diritte (chi sa leggere, sa leggere storto e diritto) è solitamente usata da chi, nell’intraprendere un’attività, si rende conto di non aver raggiunto i risultati sperati o di non esserne all’altezza, ma non vuole arrendersi all’evidenza.

 

______________________
[1] Aneddoto = Notizia storica marginale, poco nota ma caratteristica, relativa per lo più a un personaggio o evento importante. O, anche, raccontino breve e arguto, relativo a personaggi o fatti reali o tipico, significativo di un certo ambiente. In senso più ampio, fatto particolare e curioso della vita privata di qualcuno

[divider] Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine [divider]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.