Amore miè, se tu fùsse murìchera – … se fossi mora

0
627

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine[1] tratta daNe cande[2]

.
amore mio occhi neri.

Amore  miè. Se tu fùsse  murìchera

Arre cumbìne de chiss’uòcchie nire
z’arremira la murìchera matura,
e  re granìelle cuòlde a cuòcchie a cuòcchie
me fiène assapurà ‘ssa cimatùra.

‘Mmièzze alle rocchie te vedìve cresce,
e ‘na matìna che re Settièmbre ‘mmiène,
‘ndrecandejènne ‘mmièzze a chisse frusce
re piètte me rascchìscte che ‘ne spène.

Re sole ‘nnarretratta l’ombre scure
de ‘ss’uòcchie nire ca tiè ‘ngavàte ‘mbrònde.
Re lume re va danne all’jeldre sciùre
ca crìscene senza asculdà ‘ne cande.

Ie te sendìve déndre a ‘n’aria d’ore
e può m’arrendunìscte déndre all’alma.
Tu, ca ‘ne siè mié nata e mié te muòre
‘sctà vita vuòjeta la siè fatta ‘rrcòlma.

Chi ‘gné ‘sse cièle lundàne e sprufunnàte
ca chiù re uàrde e chiù n’ze vede funne
‘sse nire scure allùma le nuttàte
ca vaje passànne attòrne pe re munne.

 .

Amore mio: se tu fossi una mora

Ai confini di quegli occhi neri
si specchia la mora matura,
e i granuli staccati a coppie
mi fanno assaporare il tuo carattere.

Ti vidi crescere fra i rovi
e un mattino con il Settembre nelle mani,
curiosando in mezzo al rovo
mi graffiasti il petto con una spina

Il sole non riflette l’ombra scura
dei tuoi occhi affossati.
La luce la regala ad altri fiori
che crescono senza ascoltare un canto.

Io ti avvertii in un’aria dorata,
e poi mi ridondasti nella testa.
Tu che non sei mai nata e mai morirai
tu, questa vita l’hai resa piena.

Come questo cielo lontano e affossato
che nel guardarlo non vedo la fine,
il nero dei tuoi occhi illumina le notti
che passo girovagando.

 

____________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Nativo di Pescopennataro, si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati gli apprezzamenti e i premi che consegue continuamente.  Il suo libro di poesie più bello e completo si chiama “‘Ne cande,”
[2] ‘Ne cande, nasce da un percorso accidentato,  da un ritrovare frammenti e “cocci” di un vernacolo non più parlato come in origine, da mettere insieme in un complicato puzzle. I termini sono proposti cercando di rispecchiare la fonetica che fu propria del parlare dei nostri nonni, ascoltati in prima persona e qui proposti. Il “canto lieto”, quello che trattava di feste, amori e piccola ironia dove si contemplava il fluire non privo di stenti, di un vivere paesano, è svanito negli anni.

[divider]

Musica: Richard Clayderman – Invisible Love  
Editing:
Enzo C. Delli Quadri

[divider]

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.