All’annascuse – Di nascosto

2
693

Poesia di Gustavo Tempesta Petresine [1]

All’annascuse

Tiénghe ‘n’amore biélle all’annascùse
ca ‘n gime arre suppìgne aspetta sera.
Quanda aièpre la porta ze ne vola
e và candànne pe la cemmenéra.
Può, ‘scégne abbàlle e me ve faccia ‘nniènze,
me uarda senza dimme ‘na parola,
me sctènne ‘na manùccia e chiùde l’uocchie
e me ze porta addù l’alma ze ‘nfiora.

Di nascosto

Possiedo un amore bello, di nascosto,
che sopra la soffitta aspetta sera.
Quando apro la porta vola via
e va cantando su e giù per il camino.
Poi scende verso me e mi viene incontro
mi guarda senza dirmi una parola,
mi tende la manina e chiude gli occhi,
portandomi dove l’animo rifiorisce.

 

_________________________
[1] Gustavo Tempesta Petresine, Molisano di Pescopennataro (IS), si definisce “ignorante congenito, allievo di Socrate e Paperino”. Ama la prosa e la poesia, cui dedica molto del suo tempo, con risultati eccezionali, considerati i premi conseguiti e la stima di tutti.

Editing: Enzo C. Delli Quadri
Copyright Altosannio Magazine

 

2 Commenti

  1. Che in ognuno di noi si conservi una scintilla d’amore giovanile che a volte si rinfocola e si riaccende lo pensavo, per certe sensazioni provate all’insaputa della coscienza….Ma non avrei saputo dirlo così bene, come è espresso in questa squisita poesia.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.