albere, pi me si diventate cippe – albero, per me sei diventato un ceppo

0
470

di Benedetto di Sciullo e Giovanni Mariano di Fallo

 

Quella riportata qui di seguito non è propriamente una filastrocca ma piuttosto un arguto tormentone che un’anziana donna di fallo soleva spesso ripetere fra sé e sé per manifestare il proprio disappunto circa le ingiustizie ed i soprusi del governo dell’epoca.

In gioventù aveva vissuto a Napoli con il marito che, pur essendo un acceso oppositore della monarchia esercitata da re filippo di borbone, non aveva mai subìto le conseguenze di tale atteggiamento politico.

In ricordo di questi lontani eventi, l’anziana donna sopportava adesso malvolentieri la presenza di re Vittorio Emanuele alla cui sovranità bisognava invece sottostare tacendo. Se ne rammaricava fra le mura domestiche recitando i versetti che seguono:

 

albere, pi me si diventate cippe

come aya fa a suppurtà sti botte ?

i chi nin lu so fatte bbuone manche a lu rre filippe,

mò ca ci stanne ‘sti quattre fitiente a lu putere

m’aya sta’ zitte

albero, per me sei diventato un ceppo..

come devo fare a sopportare tutte queste angherie ?

io che non ho stimato nemmeno il re filippo,

  ora che ci sono al potere questi quattro fetenti

devo stare zitta !

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.