Home / Cultura / Cultura Popolare / Ajjə artruuèata la pəpòtta – Ho ritrovato la bambola

Ajjə artruuèata la pəpòtta – Ho ritrovato la bambola

Poesia di Felice Di Rienzo[1]
tratta dal libro “Poeti Dialettali di Agnone” curato da Domenico Meo[2]

Bambola rotta

Ajjə artruuèata la pəpòtta

Artravuldannə na càššia abbàllə alla candóina
pə truuà nu vìecchjə ardignə də məštìerə
accuscì mə capətèttə mmìenə
na pəpòtta chə nu vròcc’e chə na còssa.
Chə cə faciàiva chélla léuchə abballə?
mə sfurzìettə veramèndə d’arcurdarmə,
la faccia éva tutta sculəróita
la vəštarèlla facéva póita.
Pənzìettə d’ammənarla alla munnézza
ma chə tutta la vuləndà ng’arrəššìettə
mə sprəmìettə lə cərvèlla fòrtə fòrtə
quàndə ca də bbòtta m’armənèttə mmèndə
ca l’accattìettə la vəjìria də Natèalə
də ru millenovecìendəquarandòttə
quàndə la citra chə ru murbillə ngùollə
mbraccia alla mamma nzə dèava rèqujə.
Alla sciònna nzə vuléva štèajə
la frévə fòrtə jéva ndrata all’òssa
e la sərata sə prəsəndava bbrutta
la séra cchjù bbèlla, la séra cchjù ssanda,
nu lambə mə ndrèttə arru cərvìellə
pənzìettə d’accattèa nu fattarìellə
calìettə capabballə pə ru córsə
e vədìettə na pəpòtta a Corradinə.
Quàndə la citra putèttə spalazzà l’ùocchjə
vədìettə ca ru məraquələ éva succìessə
sə štrəgnèttə la pəpòtta fòrtə mbìettə
e s’addurmèttə cundènda e suddəsfatta.
La matóina chə ru sùonə də lə cambèanə
la citra alla sciònna mə rədàiva
sə n’éva juta la fròivə e tuttə lə mèalə
allóra alləccònnə dəcìettə: “Bbó Natèalə”.

Ho ritrovato la bambola

Rovistando una cassa giù in cantina,
per cercare un utensile di mestiere,
così mi capitò tra le mani
una bambola con un braccio ed una gamba.
Che ci faceva quella laggiù?
mi sforzai veramente per ricordare,
la faccia era tutta scolorita
la vestina era sgualcita da far pietà
Pensai di metterla nel secchio dei rifiuti
ma con tutta la volontà non ci riuscii
mi spremetti il cervello forte forte
e all’improvviso mi tornò in mente
che la comprai la vigilia di Natale
del millenovecentoquarantotto
quando la bambina affetta da morbillo
in braccio alla madre non si dava pace.
Nella culla non ci voleva stare
la febbre le era entrata alle ossa
la serata si presentava brutta
la sera più bella la sera più santa,
un lampo mi venne al cervello
pensai di comprarle un giocattolo
scesi giù per il corso
e vidi una bambola a Corradino Iannelli.
Quando la piccola poté aprire gli occhi
mi accorsi che il miracolo era avvenuto
si strinse la bambola forte al petto
e si addormentò contenta e soddisfatta.
La mattina al suono delle campane
la piccola dalla culla mi sorrideva
era scomparsa la febbre e ogni male
allora gridando dissi: “Buon Natale”.

___________________________________________
COPERTINA POETI DIALETTALI 3[1] Felice Di RienzoMolisano di Agnone,  dapprima artigiano, poi carabiniere, infine postino. Usava sapientemente satira ed ironia per diletto personale e degli amici locali. Ha trasferito nelle sue poesie queste sue innate capacità. Morì il 21 aprile 1995
[2] Domenico Meo, Abruzzese di Castelguidone (CH), ma agnonese di fatto, lavora alla Asrem di Agnone (IS). Si occupa, in termini scientifici, di dialetto, riti, usi e tradizioni popolari. Tanti i suoi libri, su cui giganteggia il Vocabolario della lingua di Agnone. . In questo suo ultimo lavoro Domenico Meo opera per resistere contro il livellamento estremo della globalizzazione, ridando luce e voce alle tante bellissime sfumature del nostro dialetto, attraverso la scoperta o la riscoperta dei nostri Poeti Dialettali.

Copyright  Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

About Enzo C. Delli Quadri

Agnonese, ex Manager Aziendale, oggi Presidente dell' Associazone ALMOSAVA-ALTOSANNIO (alto molise sangro vastese), da molti anni è impegnato a divulgare l'importanza della RIAGGREGAZIONE di questo territorio, storica culla dei Sanniti che , 50 anni fa, fu smembrato e sottoposto a 4 province e 2 regioni, contro ogni legge morale, economica e demografica.

2 commenti

  1. TROPPO TENERA E BELLA !

  2. La “PePÒTTA”, che a Fraine veniva detta: la “PUPATTe”! …
    Una poesia, ricca di ricordi, di sentimento, di amore …
    Il poeta dialettale, Felice Di Rienzo, per un “caso fortuito” rovistando in un vecchio baule ritrovò una vecchia bambolina “con un braccio ed una gamba”, tutta “ridotta male” che egli non aveva avuto il coraggio di buttare “nel secchio della spazzatura”!
    Nel ricordare i fatti, egli rivive i momenti di “agitazione”, di ansia, di “sconforto disperato”, legati a quella bambola!
    Ricorda la figliolina malata in braccio alla mamma. La binba, non si dava pace, non trovava conforto, non trovava sollievo e trasmetteva disperazione nei suoi cari, i quali erano impotenti per alleviare tanto dolore, per combattere la malattia … della piccolina.
    Ed ecco, il poeta ricorda, quella sera della vigilia di Natale, “non sapeva più dove battere la testa”, non sapeva più cosa fare, ma ebbe una intuizione, scese in strada e conprò una bambolina per la bimba, un regalo di Natale.
    ( … All’epoca ai figli si diceva: “te lo ha portato “Gesù Bambino” …)
    La bambolina piacque molto alla piccola che la prese, se la strinse al petto, si calmò e si addormentò!
    Il mattino successivo, svegliata dalle campane, la piccola sorrideva al suo papà, sfebbrata, contenta, guarita!
    A tanta gioia, a tanta commozione, come se fosse stato graziato da un miracolo, per superare l’emozione, il papà potè solo gridare: “Buon Natale”!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.