Home / Cultura / Cultura Popolare / A la piazze

A la piazze

Poesia di Rodrigo Cieri[1]

trad_giochi_di_una_volta1

A la piazze

Me piace quand’è sere a šta’ la piazze
a respirà’ chell’aria sopraffine,
surbirme de cafè na bella tazze,
nu cone de gelate da lecchine.

La fonte mo’ m’asciacque lu cervelle,
lu core m’ardecreje le huagliune,
fissate tinghe l’ucchie a cierte stelle;
me sonne antiche juche a une a une.

Cuntave a trentacinche ‘mbacce a mmure,
cercave tra le ruve le cumbigne
o ‘rrete a cacche honne a lu secure.
Tutte le checucciare nche le pigne,

zumpe zumpitte cchiù zompa cavalle,
nghe “pronte, rotte e scappe!” sempre a corre,
le ggiuvenette a spasse a mmonte e bballe:
sentive ca la vite allegre scorre.

E’ bbelle a sentì’ ‘ncore chište štrille.
Nu nonne a la funtane “Ma che fì’?
– a nu nipote troppe piccirille –
Se vu ittà’ la terre … fa’ ccuscì!”.

In piazza

Mi piace verso sera stare in piazza
a respirare quell’aria sopraffina,
sorbirmi di caffè una bella tazza
un cono di gelato da ingordo.

La fontana mi sciacqua il cervello,
il cuore mi rallegrano i ragazzi,
fissi tengo gli occhi a certe stelle;
sogno antichi giochi uno a uno.

Contavo trentacinque faccia al muro,
cercavo tra i vicoli i compagni
o dietro qualche gonna al sicuro.
Tutte le checocciare con i pegni,

Salti a cavallina e salta a cavallo,
con “pronto, rotto e scappo!” sempre a correre,
le ragazze sempre a spasso su e giù:
sentivo che la vita scorreva allegra.

È bello sentire ancora queste urla.
Un nonno alla fontana: “ Ma che fai?
-al nipote troppo piccolino-
Se vuoi buttare la terra…fa’ così!”

 


[1] Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Copyright Altosannio Magazine
Editing: Enzo C. Delli Quadri 

 

 

 

About Rodrigo Cieri

Rodrigo Cieri, abruzzese di Celenza sul Trigno, di madre molisana, una vita dedicata alla Scuola, da docente e poi da Preside, dedito all’impegno sociale e la promozione culturale che porta avanti con testardaggine, in paese e neIl’ Alto Vastese. Coltiva un’antica passione, la pura poesia, in lingua, o più spesso in vernacolo, ottenendo consensi e premi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.